domenica, settembre 25, 2005

L'isola del tesoro

Un robot scova un tesoro sepolto da secoli nell'isola cilena Robinson Crusoe sarebbero state trovate circa 800 tonnellate tra lingotti, pietre e gioielli probabilmente di origine Inca. Scrive il Corriere:

SANTIAGO (CILE) - L'isola del tesoro esiste. Un robot sembra aver localizzato su una remota isola dell'Oceano Pacifico un tesoro degno dei libri di Robert Luis Stevenson. Un vero bottino, probabilmente di origine Inca, costituito da 800 tonnellate di oro e pietre preziose gioielli, tra i quali una leggendaria «rosa d'oro» depredato agli Inca dagli spagnoli . Di certo si tratterebbe del più grande ritrovamento di questo tipo della storia e gli abitanti dell'isola in questione sono già in fibrillazione. Stiamo parlando di Robinson Crusoe, lacrima di terra appartenente al Cile situata a 600 chilometri dalle coste del Paese andino. L'isola è stata battezzata come il celebre naufrago protagonista di un romanzo di Daniel Defoe perché il suo scopritore, Alejandro Selkirk, la trovò proprio facendovi naufragio e ispirò lo scrittore inglese. L'isolamento ha reso Robinson Crusoe un vero paradiso naturale, ma anche un luogo ideale per chi volesse nascondervi qualcosa. E infatti, nei secoli è stata rifugio prediletto di numerosi avventurieri.

C'è da dire che questo robot ha un curriculum niente male infatti era già stato protagonista del ritrovamento di un deposito di armi appartenente a una colonia di neonazisti fondata dall'infermiere tedesco Paul Schäfer nel 1960 e del ritrovamento del corpo di un ricco imprenditore locale, Francisco Yuraszeck. Questa scoperta invece ha un valore scientifico ed economico inestimabili.

2 Comments:

At 25 settembre, 2005 08:49, Anonymous chiara said...

wow! che cosa intrigante...magica! ma se chiedo per piacere...mi danno un pochino del tesoro!?:D

 
At 26 settembre, 2005 08:26, Blogger Federico said...

Forse... no! :-)

 

Posta un commento

<< Home


Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile